Chi Siamo

Con Decreto Dirigente Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia 10 dicembre 2013, n. 12002 è stato ammesso e finanziato,come primo classificato assoluto, il seguente percorso I.T.S. “TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE DEL CANTIERE DI RESTAURO ARCHITETTONICO” In data 25 marzo 2014, con atto notarile, è stata costituita la Fondazione denominata FONDAZIONE “ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE TECNOLOGIE INNOVATIVE PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI – I CANTIERI DELL’ARTE”, brevemente ”FONDAZIONE I.T.S. CANTIERI DELL’ARTE” presso l’Istituto Tecnico industriale Edile “Carlo Bazzi” quale capofila della Fondazione con sede in Milano via Cappuccio n. 2

La Proposta

La Fondazione “Istituto Tecnico Superiore per le tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – I Cantieri dell’Arte” nasce in linea di continuità con l’iniziativa “Milano nei Cantieri dell’Arte” avviata nel 2008 in vista dell’evento Expo 2015, come intervento incentrato sul tema del restauro architettonico quale “elemento traghettatore dal valore culturale al mondo del lavoro”.

L’iniziativa ha inteso rilanciare il settore del restauro architettonico attraverso la scoperta degli interventi conclusi e in fase di realizzazione, evidenziando le competenze, i modelli organizzativi e le metodologie d’intervento adottati dalle imprese lombarde. Affrontando il tema del restauro come volano di sviluppo per il compart o edile specializzato, il progetto mira ad innescare nel lungo periodo un processo strategico di miglioramento competitivo degli operatori e il loro riposizionamento sul mercato. presupposti del progetto “Milano Cantieri dell’arte” rimangono attuali e, opportunamente contestualizzati in un’area territoriale più vasta ma coerente (la cosiddetta “città infinita” che va da Milano a Brescia, di cui parla il sociologo Aldo Bonomi) costituiscono i presupposti stessi di ideazione della Fondazione.

L’idea di strutturare un progetto sperimentale incentrato sul tema del recupero e della conservazione, che con la Fondazione assumerà carattere di stabilità, nasce dalla necessità di integrare le attività rivolte alla promozione del patrimonio territoriale, in particolare quelle riguardanti interventi di restauro di immobili posti sotto tutela, ai sensi del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.

Le risorse culturali rappresentano infatti delle vere e proprie testimonianze di civiltà che marcano un territorio e ne costituiscono le chiavi di lettura attraverso le quali se ne può comprendere il significato, l’evoluzione, l’antropizzazione e le caratteristiche socio-economiche.

Il tema centrale del restauro si connota come attività manuale legata al recupero ed alla conservazione e come strumento in grado di valorizzare e promuovere i contenuti culturali e sociali di una comunità. Parlare di restauro vuol dire allora riferirsi ad un’attività pratica in cui l’esperienza e le competenze di chi opera rappresentano il presupposto fondamentale per la salvaguardia di un bene.

Il bagaglio culturale acquisito e la corretta qualificazione delle risorse umane rappresentano, pertanto, gli elementi determinati per il successo e il buon esito di un intervento. Condividendo l’obiettivo ultimo di valorizzare il settore del restauro e delle sue eccellenze con il progetto “Milano cantieri dell’arte” e quindi anche con la creazione della Fondazione ITS, si intende proporre un’idea pilota che sia finalizzata alla qualificazione delle figure professionali operanti nel comparto OG2 , andando nel contempo a potenziare le capacità progettuali degli imprenditori di settore attraverso la condivisione di obiettivi strategici comuni.